Notizie


Focus

sulodexide-tvp-ricorrente-coagulumreport

Sulodexide riduce il rischio di trombosi venosa ricorrente

Continuare a tempo indeterminato la terapia anticoagulante orale dopo un evento di trombosi venosa profonda (TVP) ed embolia polmonare (EP) o sospendere la terapia specifica dopo un certo periodo, variabile a seconda delle condizioni cliniche e non somministrare più nulla? A questo infinito dilemma sembra dare ora una risposta concreta il lavoro di Andreozzi e … leggi tutto


L’ulcera venosa: linee guida di trattamento compressivo e terapia medica

Fabrizio Mariani Valdisieve Hospital, Div. Di Chirurgia Vascolare – Pontassieve (Firenze) Presidente Collegio Italiano di Flebologia CIF Segretario Generale “Multidisciplinary Joint Committee in Phlebology” UEMS – EU La terapia compressiva: guida nel trattamento … leggi tutto Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: si prega di accedere utilizzando il form sottostante, … leggi tutto


Sinergie tra terapia compressiva e farmacologica nella MVC

di Fabrizio Mariani Presidente Collegio Italiano di Flebologia Segretario Generale “Multidisciplinary Joint Committee in Phlebology” UEMS – EU Valdisieve Hospital, Dept. of Vascular Surgery – Pontassieve (Florence-Italy) INTRODUZIONE La malattia venosa cronica (MVC) è una malattia diffusa in larghi strati di popolazione: in ogni famiglia europea o americana c’è almeno un paziente flebopatico. Studi recenti … leggi tutto


Review

Nuove strategie terapeutiche antitrombotiche dopo sindrome coronarica acuta

di Gloria Vassilikì Coutsoumbas, Elisa Filippini, Giuseppe Di Pasquale Unità Operativa di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna INTRODUZIONE Gli avanzamenti scientifici hanno consentito negli ultimi decenni di abbattere la mortalità cardiova-scolare in pazienti con sindrome coronarica acuta (SCA) oltre che ridurre nettamente la morbilità ed ottenere un significativo miglioramento della qua-lità di vita a distanza. La … leggi tutto


Gestione della terapia anticoagulante in occasione di chirurgia o procedure invasive

Giuseppe Di Pasquale, Silvia Zagnoni, Pamela Gallo Unità Operativa di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna La necessità di una temporanea interruzione della terapia anticoagulante orale (TAO) cronica con warfarin in previsione di procedure invasive o chirurgia è evenienza frequente nei pazienti anticoagulati. … leggi tutto Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: … leggi tutto


Dabigatran etexilato: nei pazienti con fibrillazione atriale

Maddalena Lettino Unità Coronarica Dipartimento Cardio-toraco-vascolare Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo Pavia FIBRILLAZIONE ATRIALE: EPIDEMIOLOGIA E PROGNOSI La fibrillazione atriale (FA) è il disturbo del ritmo più frequente nella popolazione generale ed è una delle aritmie che possono durare a lungo, anche in assenza di sintomi. La prevalenza di fibrillazione atriale aumenta con il progredire … leggi tutto