Notizie

dabigatran RELY RE LY fibrillazione NAO coagulumreport

L’Anticoagulante (NAO) dabigatran anche in fibrillazione e patologia valvolare. Studio RE-LY

I Nuovi anticoagulanti orali (NAO) sono indicati per la prevenzione del trombo-embolismo nei pazienti con fibrillazione atriale “non valvolare”. In realtà molti pazienti con fibrillazione atriale presentano difetti valvolari a minore potenziale emboligeno. Come comportarsi in questi casi? E’ possibile utilizzare i NAO anche se il paziente presenta una insufficienza tricuspidale o una stenosi aortica? … leggi tutto

Leggi tutto

Focus

darucizumab reversal agent antidoto coagulumreport

Arriva in Italia il primo antidoto per NAO: idarucizumab

Giuseppe Di Pasquale, Letizia Riva, Silvia Zagnoni Unità Operativa di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna I nuovi anticoagulanti orali (NAO) hanno rivoluzionato il trattamento della fibrillazione atriale e della trombosi venosa profonda – embolia polmonare. I vantaggi dei NAO sono rappresentati dall’efficacia almeno sovrapponibile a quella … leggi tutto Questo contenuto è riservato agli iscritti alla … leggi tutto


recidiva tev

Il punto sulla terapia con sulodexide

Le fasi della terapia del tromboembolismo venoso sono sostanzialmente 3: una parte iniziale della durata, in genere, da 5 a 21 giorni, nella quale la terapia principale è costituita dall’eparina per via parenterale oppure dagli anticoagulanti diretti come dabigatran, rivaroxaban o apixaban, una seconda fase caratterizzata dal mantenimento della terapia anticoagulante orale per circa due … leggi tutto


Sinergie tra terapia compressiva e farmacologica nella MVC

di Fabrizio Mariani Presidente Collegio Italiano di Flebologia Segretario Generale “Multidisciplinary Joint Committee in Phlebology” UEMS – EU Valdisieve Hospital, Dept. of Vascular Surgery – Pontassieve (Florence-Italy) INTRODUZIONE La malattia venosa cronica (MVC) è una malattia diffusa in larghi strati di popolazione: in ogni famiglia europea o americana c’è almeno un paziente flebopatico. Studi recenti … leggi tutto


Review

Le occlusioni venose retiniche

Le occlusioni venose retiniche (OVR) costituiscono la più comune patologia vascolare retinica e sono generalmente associate a perdita del visus di grado variabile, rappresentando la seconda più frequente patologia responsabile di cecità dopo il diabete mellito…


La Gestione della Trombosi Venosa Superficiale

Gualtiero Palareti U.O Di Angiologia e Malattie della Coagulazione “Marino Golinelli” – Ospedale S. Orsola Università di Bologna INTRODUZIONE La Trombosi Venosa Superficiale (TVS) o tromboflebite superficiale è una condizione clinica molto comune; la sua incidenza nella popolazione generale non è nota con esattezza, ma si stima essere più alta di quella della Trombosi Venosa … leggi tutto


La sicurezza gastrointestinale dei nuovi anticoagulanti orali (NAO). Dati rassicuranti dagli studi real life su dabigatran

Leonardo Calò, Marco Rebecchi Aritmologia Clinica ed Interventistica, Policlinico Casilino, ASL Roma 2 INTRODUZIONE L’utilizzo clinico dei nuovi anticoagulanti orali (NAO) – dabigatran, inibitore orale diretto della trombina e rivaroxaban, apixaban ed edoxaban, inibitori orali diretti del fattore Xa – ha rappresentato un grande avanzamento nella prevenzione dell’ictus ischemico nei pazienti affetti da fibrillazione atriale … leggi tutto Questo … leggi tutto