Notizie

osteoporosi-fratture-dabigatran-warfarin-fibrillazione-coagulumreport

Rischio fratture da osteoporosi più basso con anticoagulante dabigatran (DOAC) rispetto a warfarin

In pazineti con fibrillazione atriale non valvolare la terapia anticoagulante con warfarin è stata associata a un aumento del rischio di fratture da osteoporosi. Un nuovo studio mostra che l’impiego di dabigatran, anticoagulante diretto (DOAC/NAO), grazie a un meccanismo d’azione differente, non è associato allo stesso rischio, anzi lo abbassa anche in modo significativo. I … leggi tutto

Leggi tutto

Focus

Un’altra novità nel trattamento anticoagulante della fibrillazione atriale: l’inibitore del fattore Xa apixaban

Gli antagonisti della vitamina K ed in particolare il warfarin rappresentano la terapia di provata efficacia per la profilassi tromboembolica nei pazienti con fibrillazione atriale (FA) (1). A causa dei numerosi limiti della terapia anticoagulante orale (TAO) tuttavia molti pazienti con FA non sono anticoagulati ed in quelli trattati la qualità…


recidiva tev

Il punto sulla terapia con sulodexide

Le fasi della terapia del tromboembolismo venoso sono sostanzialmente 3: una parte iniziale della durata, in genere, da 5 a 21 giorni, nella quale la terapia principale è costituita dall’eparina per via parenterale oppure dagli anticoagulanti diretti come dabigatran, rivaroxaban o apixaban, una seconda fase caratterizzata dal mantenimento della terapia anticoagulante orale per circa due … leggi tutto


Ulcera vascolare: definizione, diagnosi, segni clinici

Fabrizio Mariani Valdisieve Hospital, Div. Di Chirurgia Vascolare – Pontassieve (Firenze) Presidente Collegio Italiano di Flebologia CIF Segretario Generale “Multidisciplinary Joint Committee in Phlebology” UEMS – EU   Per ulcera vascolare intendiamo in questo articolo essenzialmente l’ulcera di origine venosa, tralasciando tutte le altre possibili cause patogenetiche (arteriopatie, diabete etc), che pure possono essere presenti … leggi tutto


Review

Le occlusioni venose retiniche

Le occlusioni venose retiniche (OVR) costituiscono la più comune patologia vascolare retinica e sono generalmente associate a perdita del visus di grado variabile, rappresentando la seconda più frequente patologia responsabile di cecità dopo il diabete mellito…


Gestione della terapia anticoagulante in occasione di chirurgia o procedure invasive

Giuseppe Di Pasquale, Silvia Zagnoni, Pamela Gallo Unità Operativa di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna La necessità di una temporanea interruzione della terapia anticoagulante orale (TAO) cronica con warfarin in previsione di procedure invasive o chirurgia è evenienza frequente nei pazienti anticoagulati. … leggi tutto Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: … leggi tutto


Nuove strategie terapeutiche antitrombotiche dopo sindrome coronarica acuta

di Gloria Vassilikì Coutsoumbas, Elisa Filippini, Giuseppe Di Pasquale Unità Operativa di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna INTRODUZIONE Gli avanzamenti scientifici hanno consentito negli ultimi decenni di abbattere la mortalità cardiova-scolare in pazienti con sindrome coronarica acuta (SCA) oltre che ridurre nettamente la morbilità ed ottenere un significativo miglioramento della qua-lità di vita a distanza. La … leggi tutto