Il residuo trombotico nella clinica della sindrome post-trombotica: dagli studi alle linee guida

Sabina Villalta1  – Paolo Prandoni2
1 1a Medicina Generale Ospedale “S. Maria di Ca’ Foncello” Treviso
2 Dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari,
Clinica Medica 2, Università di Padova

Il rischio di sviluppare la Sindrome Post-Trombotica (SPT) si attesta in­torno al 30% nonostante un adeguato trattamento della trombosi (TVP) in fa­se acuta, una corretta prevenzione secondaria e l’uso di calza elastica.
L’esito di una TVP si traduce spesso nella (altro…)

Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: si prega di accedere utilizzando il form sottostante, oppure di compilare il form di registrazione. Dopo la registrazione, oltre ad avere accesso a tutti i contenuti del portale, riceverai aggiornamenti utili alla pratica clinica. Se non si ricordano i dati di accesso, cliccare qui

Accesso utente registrato
 Ricordami  
Registrazione nuovo utente
*Confermare la lettura dell'informativa Privacy
*Campo obbligatorio