Un’altra novità nel trattamento anticoagulante della fibrillazione atriale: l’inibitore del fattore Xa apixaban

Giuseppe Di Pasquale

Unità Operativa di Cardiologia,
Ospedale Maggiore, Bologna

Gli antagonisti della vitamina K ed in particolare il warfarin rappresentano la terapia di provata efficacia per la profilassi tromboembolica nei pazienti con fibrillazione atriale (FA) (1). A causa dei numerosi limiti della terapia anticoagulante orale (TAO) tuttavia molti pazienti con FA non sono anticoagulati ed in quelli trattati la qualità dell’anticoagulazione è spesso insoddisfacente (2,3). La … leggi tutto

Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: si prega di accedere utilizzando il form sottostante, oppure di compilare il form di registrazione. Dopo la registrazione, oltre ad avere accesso a tutti i contenuti del portale, riceverai aggiornamenti utili alla pratica clinica. Se non si ricordano i dati di accesso, cliccare qui

Accesso utente registrato
 Ricordami  
Registrazione nuovo utente
captcha
*Campo obbligatorio