Diabete. Empaglifozin riduce del 38% il rischio di morte cardiovascolare

Novità nella prevenzione cardiovascolare in pazienti con diabete. Empagliflozin riduce significativamente (del 38%)  il rischio di morte cardiovascolare, infarto miocardico non fatale o ictus non fatale, rispetto al placebo, quando aggiunto a standard di cura nei pazienti con diabete di tipo 2 ad alto rischio di eventi cardiovascolari. Sono questi i risultati dello studio presentato al congresso dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD, European Association for theleggi tutto

Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: si prega di accedere utilizzando il form sottostante, oppure di compilare il form di registrazione. Dopo la registrazione, oltre ad avere accesso a tutti i contenuti del portale, riceverai aggiornamenti utili alla pratica clinica. Se non si ricordano i dati di accesso, cliccare qui

Accesso utente registrato
 Ricordami  
Registrazione nuovo utente
*Confermare la lettura dell'informativa Privacy
captcha
*Campo obbligatorio