Terapia con anticoagulanti: sono fattori prognostici D-dimero e fattore VIIa

Nei pazienti con fibrillazione atriale, in terapia con anticoagulanti orali, non è noto se l’andamento dei marker della coagulazione – D dimero e fattore VIIa – possono avere un valore prognostico per definire il rischio di sanguinamento o ictus.  I ricercatori dello studio RE- LY hanno analizzato, in una sottoanalisi,  il ruolo del monitoraggio seriato del D-dimero e del fattore VIIa e la loro capacità di predire stroke, … leggi tutto

Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: si prega di accedere utilizzando il form sottostante, oppure di compilare il form di registrazione. Dopo la registrazione, oltre ad avere accesso a tutti i contenuti del portale, riceverai aggiornamenti utili alla pratica clinica. Se non si ricordano i dati di accesso, cliccare qui

Accesso utente registrato
 Ricordami  
Registrazione nuovo utente
*Confermare la lettura dell'informativa Privacy
captcha
*Campo obbligatorio