Disturbi gastrointestinali con dabigatran? Due semplici strategie per risolverli

dabigatran-gastrointestinali-pantoprazolo-coagulumreport

Nello studio RE-LY, il nuovo anticoagulante orale (NAO) dabigatran (150 mg BID) ha dimostrato di ridurre significativamente il rischio di ictus rispetto a warfarin in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare (FANV). Alla dose di 110 mg BID, il NAO ha dimostrato efficacia paragonabile a warfarin e una riduzione significativa dei sanguinamenti. Entrambi i dosaggi sono stati generalmente ben tollerati. Tuttavia, circa il 4% dei pazienti ha interrotto la … leggi tutto

Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: si prega di accedere utilizzando il form sottostante, oppure di compilare il form di registrazione. Dopo la registrazione, oltre ad avere accesso a tutti i contenuti del portale, riceverai aggiornamenti utili alla pratica clinica. Se non si ricordano i dati di accesso, cliccare qui

Accesso utente registrato
 Ricordami  
Registrazione nuovo utente
*Confermare la lettura dell'informativa Privacy
captcha
*Campo obbligatorio