Anticoagulanti e periprocedurale. Il consensus ACC 2017

anticoagulante-nao-doac-bridging-consensus-acc-2017-coagulumreport

Come comportarsi con un paziente in terapia con anticoagulante perché affetto da fibrillazione atriale non valvolare quando deve sottoporsi ad una procedura diagnostica invasiva o a un intervento chirurgico? E’ un problema molto frequente, che riguarda molte branche specialistiche, ma di non facile soluzione.

A seconda del rischio emorragico legato alla procedura e del rischio trombotico ed emorragico specifico del paziente é possibile:
a) continuare la terapia anticoagulante,
b) sospenderla temporaneamente,
c) sospenderla … leggi tutto

Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: si prega di accedere utilizzando il form sottostante, oppure di compilare il form di registrazione. Dopo la registrazione, oltre ad avere accesso a tutti i contenuti del portale, riceverai aggiornamenti utili alla pratica clinica. Se non si ricordano i dati di accesso, cliccare qui

Accesso utente registrato
 Ricordami  
Registrazione nuovo utente
*Confermare la lettura dell'informativa Privacy
captcha
*Campo obbligatorio