#esc2017. Apixaban (DOAC) in cardioversione è efficace e sicuro. Studio EMANATE

apixaban-esc2017-liquis-cardioversione-fibrillazione-emanate-coagulumreport

L’impiego dell’anticoagulante apixaban (Eliquis, Pfizer/BMS)  riduce il rischio di ictus ed embolismo sistemico rispetto al warfarin nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a cardioversione (0% vs. 0.8% a 30 giorni; p=0.016). Sono i risultati dello studio EMANATE (A Phase IV Trial To Assess The Effectiveness Of Apixaban Compared With Usual Care Anticoagulation In Subjects With Non-Valvular Atrial Fibrillation Undergoing Cardioversion) presentati  al Congresso annuale dell’European Society of Cardiology (#esc2017), che si è concluso il 30 agosto a  Barcellona.

Nello studio sono stati randomizzati 1.500 pazienti affetti da fibrillazione atriale, naïve all’anticoagulazione, a ricevere una terapia di breve durata (meno di 48 ore) con l’anticoagulante diretto (DOAC) apixabanleggi tutto

Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: si prega di accedere utilizzando il form sottostante, oppure di compilare il form di registrazione. Dopo la registrazione, oltre ad avere accesso a tutti i contenuti del portale, riceverai aggiornamenti utili alla pratica clinica. Se non si ricordano i dati di accesso, cliccare qui

Accesso utente registrato
 Ricordami  
Registrazione nuovo utente
*Confermare la lettura dell'informativa Privacy
captcha
*Campo obbligatorio