Arteriopatia. Rivaroxaban e Aspirina riducono del 70% il rischio di amputazione

rivaroxaban-aspirina-compass-arteriopatia-amputazioni-coagulumreport

Una nuova analisi dallo studio COMPASS rivela che rivaroxaban (2,5 mg due volte/die) più aspirina (100 mg/die) ha ridotto del 70% il rischio di amputazione maggiore in pazienti con arteriopatia periferica (PAD, Peripheral artery disease). L’associazione si è dimostrata efficace anche nell’endpoint primario riducendo del 28% il rischio relativo di eventi avversi cardiovascolari maggiori (MACE), e del 46% per gli eventi avversi maggiori agli arti (MALE).

In un’analisi separata di pazienti con malattia coronarica ( CAD, coronary arteriopathy disease), il trattamento con rivaroxaban più aspirina ha determinato un beneficio clinico netto statisticamente significativo e una riduzione del 23% delle morti evidenziando che, potenzialmente, questo regime terapeutico può ridurre mortalità e morbidità causata da malattia coronarica.

L’associazione rivaroxaban e aspirina  ha mostrato inoltre un miglioramento del beneficio clinico netto in entrambe le popolazioni dei pazienti rispetto all’aspirina da sola (28% nei pazienti con PAD e 22% nei pazienti con CAD). Il beneficio clinico netto è stato definito come riduzione di MACE, MALE e amputazione maggiore, rispetto al rischio di emorragia fatale o sintomatica in organo critico.

Le incidenze di eventi emorragici all’interno di entrambe le popolazioni di pazienti erano complessivamente basse e, anche se è stato riscontrato un aumento di emorragia maggiore, non si è verificato un significativo aumento di emorragie fatali o sanguinamenti in un organo critico.  I dati confermano anche quanto dichiarato in un’analisi intermedia, prima della presentazione dello studio COMPASS all’ESC2017.

Le malattie cardiovascolari, che includono CAD e PAD rappresentando il 31% di tutte le morti. I pazienti con queste condizioni sono a rischio di eventi trombotici che possono portare a disabilità, alla perdita di un arto e alla perdita della vita. La terapia raccomandata dalle attuali Linee Guida per questi pazienti comprende una terapia antiaggregante piastrinica, con una terapia anticoagulante in associazione a terapia antiaggregante singola, solo se presente una patologia concomitante che necessita di anticoagulazione.

Fonte
Rivaroxaban in Stable Peripheral Artery Disease: an international randomized, double-blind, placebo-controlled trial.The Lancet.Published: 10 November 2017

2 Commenti su "Arteriopatia. Rivaroxaban e Aspirina riducono del 70% il rischio di amputazione"

  1. molto bene! Vorrei sapere di più riguardo al trattamento esteso nel TEV in P. giovani trombofilici
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.


*