La TAC perfusionale identifica i pazienti con ictus con funzionalità cardiaca compromessa

ictus, frazione di eiezione ventricolare, sinistra

La frazione di eiezione ventricolare sinistra bassa (LVEF) porta a risultati peggiori dopo l’ictus. E’ stato ipotizzato che la variabilità della funzione di input arterioso (AIF) sulla tomografia computerizzata della perfusione, in particolare il tempo che intercorre tra l’inizio della scansione e la fine di AIF (SO-EndAIF), rifletterebbe la riduzione della gittata cardiaca.

L’analisi retrospettiva di pazienti con ictus consecutivi, sottoposti a tomografia computerizzata tra gennaio 2013 e settembre 2018, è (altro…)

Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: si prega di accedere utilizzando il form sottostante, oppure di compilare il form di registrazione. Dopo la registrazione, oltre ad avere accesso a tutti i contenuti del portale, riceverai aggiornamenti utili alla pratica clinica. Se non si ricordano i dati di accesso, cliccare qui

Accesso utente registrato
 Ricordami  
Registrazione nuovo utente
*Confermare la lettura dell'informativa Privacy
*Campo obbligatorio