FA – News

aspirina-doac-anticoagulanti-fibrillazione-sindrome-coronarica-coagulum

Anticoagulanti diretti (DOAC) e aspirina (ASA) in fibrillazione? Una metanalisi

Gli anticoagulanti orali  diretti (DOAC/NAO) possono essere più sicuri ed efficaci rispetto al warfarin (AVK) nel trattamento dei pazienti con fibrillazione atriale in terapia concomitante con acido acetilsalicilico (aspirina, ASA). Sono i risultati di una metanalisi che aiuta nella gestione dei pazienti con fibrillazione atriale (circa il 30%) che hanno una malattia coronarica, sono a riscchio di sindrome coronarica … leggi tutto


apixaban-esc2017-liquis-cardioversione-fibrillazione-emanate-coagulumreport

#esc2017. Apixaban (DOAC) in cardioversione è efficace e sicuro. Studio EMANATE

L’impiego dell’anticoagulante apixaban (Eliquis, Pfizer/BMS)  riduce il rischio di ictus ed embolismo sistemico rispetto al warfarin nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a cardioversione (0% vs. 0.8% a 30 giorni; p=0.016). Sono i risultati dello studio EMANATE (A Phase IV Trial To Assess The Effectiveness Of Apixaban Compared With Usual Care Anticoagulation In Subjects With Non-Valvular Atrial Fibrillation Undergoing Cardioversion) presentati  al Congresso annuale dell’European Society of Cardiology (#esc2017), che si è concluso il 30 agosto a  Barcellona. Nello studio sono stati randomizzati 1.500 pazienti affetti da fibrillazione atriale, naïve all’anticoagulazione, a ricevere una terapia di … leggi tutto


duplice-terapia-dabigatran-clopidogrel-aspirina-esc2017-coagulumreport

#esc2017. Dopo angioplastica, la duplice associazione con dabigatran è efficace e più sicura della triplice

Nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti ad angioplastica coronarica (PCI) la duplice associazione di anticoagulante (dabigatran) e  inibitore del recettore P2Y12 (clopidogrel o ticaglerol) potrebbe sostituire la triplice associazione  antitrombotica (aspirina, inibitore del recettore P2Y12 e warfarin)  per la prevenzione  di eventi ischemici cardiaci e tromboembolici senza aumentare troppo il rischio emorragico. Questi, in sinesi, i risultati dello studio RE-DUAL PCI (Randomized Evaluation of Dual … leggi tutto


edoxaban-esc2017-engage-af-timi-48-coagulumreport

#esc2017. Edoxaban efficace anche in pazienti con fibrillazione ad alto rischio

In tutti i pazienti affetti da fibrillazione atriale non valvolare, anche quelli a più alto rischio di ictus o eventi embolici sistemici (secondo la scala CHADS2DS2-VASc ), l’anticoagulante diretto edoxaban (Lixiana/Daiichi Sankyo) è efficace come warfarin, ma più sicuro. Lo dimostra una sottoanalisi del trial clinico ENGAGE AF-TIMI 48 (Effective aNticoaGulation with factor XA next GEneration in Atrial Fibrillation), presentata da Daiichi Sankyo al Congresso della European society of cardiology (#esc2017) … leggi tutto


3-giorni-doac-invasiva-anticoagulanti-coagulumreport

Procedura invasiva: sufficiente sospendere per 3 giorni l’anticoagulante (DOAC)

Tre giorni di sospensione della terapia anticoagulante sono sufficienti per minimizzare il rischio emorragico nella maggior parte dei pazienti che devono sottoporsi a una procedura invasiva mentre il controllo degli indici routinari di emostasi è del tutto inutile. Sono le conclusioni di una ricerca prospettica multicentrica franco-belga che ha coinvolto 422 pazienti trattati con anticoagulanti diretti (DOAC) e sottoposti ad una procedura … leggi tutto


rivaroxaban-stent-xarelto-pci-coagulumreport

CHMP dà parere favorevole a rivaroxaban dopo PCI e stent

Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha espresso parere positivo all’aggiornamento della scheda tecnica dell’inibitore orale del fattore Xa rivaroxaban (Xarelto, Bayer), al dosaggio di 15 mg una volta al giorno in associazione ad un inibitore del recettore P2Y12 per il trattamento di pazienti affetti da fibrillazione atriale … leggi tutto


rivroxaban-cancro-fibrillazione-xarelto-coagulumreport

Fibrillazione e cancro attivo: rivaroxaban (DOAC) efficace e sicuro come in ROCKET-AF

Efficacia e sicurezza del rivaroxaban nel trattamento della fibrillazione atriale non valvolare di pazienti con cancro in fase attiva sono sovrapponibili a quelle riscontrate nella popolazione generale. E’ il risultato di uno studio condotto preso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center in New York City su 163 pazienti con malattia neoplastica in atto e fibrillazione atriale trattati tra il gennaio del 2014 e il … leggi tutto


edoxaban-anticoagulante-cardioversione-lixiana-chmp-ema-cooagulumreport

Fibrillazione atriale, edoxaban in cardioversione rapida. Parere positivo dal CHMP-EMA 

L’utilizzo dell’anticoagulante orale diretto edoxaban (Lixiana), nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a cardioversione preceduta da ecocardiogramma per via transesofagea (ETE) dovrà essere inserito in RCP. Questa la raccomandazione del Comitato Europeo per i Medicinali ad Uso Umano (CHMP) dell’EMA. Il farmaco di Daiichi Sankyo è quindi, ad oggi, l’unico DOAC indicato specificatamente per una rapida … leggi tutto


idarucizumab-praxbind-dabigatran-coagulumreport

Conferme per idarucizumab reversal agent di dabigatran. Dati finali del RE-VERSE AD. #ISTH2017

L’efficacia di idarucizumab  nell’inattivare  rapidamente l’effetto di dabigatran in situazioni d’emergenza è stata confermata anche dai dati finali dello studio REVERSE AD presentati  al 26° Congresso Biennale della Società Internazionale di Trombosi ed Emostasi (ISTH 2017), in corso a Berlino dall’8 al 13 luglio. Come dimostrato nei risultati intermedi, idarucizumab (Praxbind) ha inattivato l’effetto anticoagulante di … leggi tutto


ictus-doac-anticoagulanti-dabigatran-apixaban-rivaroxaban-danesi-coagulumreport

Fibrillazione e un solo fattore di rischio per ictus. Anticoagulanti diretti (DOAC) efficaci e sicuri

In pazienti con un fibrillazione atriale (FA) e un solo fattore di rischio per ictus, non correlato a genere,  gli anticoagulanti diretti (DOAC) sono efficaci ccome warfarin nella prevenzione dell’evento ischemico. Sono questi i dati di uno studio di coorte danese che ha segnalato, inoltre, come i sanguinamento fossero significativamente inferiori per apixaban e dabigatran (ma non rivaroxaban) … leggi tutto