News

Nuove linee guida europee per la gestione dell’obesità in età adulta nelle cure primarie

La Società Europea per lo Studio dell’Obesità (EASO), ha pubblicato le linee guida per la gestione pratica e centrata sul paziente dell’obesità dell’adulto nelle Cure Primarie. La precedente versione delle linee guida dedicate all’obesità risale al 2015. Il medico di famiglia rappresenta il primo contatto con il paziente obeso, lo segue nel tempo occupandosi anche delle sue … leggi tutto


bevande dolcificate, ictus, coronaropatia

Il consumo frequentedi bevande dolcificate è associato a un maggior rischio di ictus, coronaropatia e decesso

Il consumo frequente, più di una volta al giorno, di bevande dolcificate è associato a un maggior rischio di ictus, coronaropatia e decesso. Queste affermazioni scaturiscono da una analisi dei dati dello Women’s Health Initiative Observational Study una grande coorte costituita da donne in post-menopausa, di età compresa tra 50 e 79 anni, reclutate tra il … leggi tutto


sigarette elettroniche, cardiovascolare, ictus

Anche il fumo delle sigarette elettroniche nuoce all’apparato cardiovascolare

In occasione della International Stroke Conference, tenutasi nei primi giorni di febbraio 2019, sono stati presentati i risultati di una analisi dei dati del Behavioral Risk Factor Surveillance System, una indagine condotta dai Centers for Disease Control and Prevention  che ha confrontato 66.795 utilizzatori abituali di sigarette elettroniche con 343.856 soggetti che non ne avevano … leggi tutto


forame ovale pervio, linee guida PFO, linee guida fibrillazione atriale

Nuovo aggiornamento AHA/ACC/HRS delle linee guida sulla fibrillazione atriale

Le associazioni cardiologiche americane, American Heart Association (AHA), American College of Cardiology (ACC) e Heart Rhytm Society (HRS), hanno reso disponibile un aggiornamento delle linee guida sulla gestione della fibrillazione atriale la cui ultima versione è stata pubblicata nel 2014. Il nuovo documento non pone più sullo stesso piano warfarin e anticoagulanti orali diretti ma … leggi tutto


Aspirina in prevenzione cardiovascolare primaria e rischio di sanguinamento

Il ruolo dell’ASA a basso dosaggio in prevenzione primaria rimane un tema controverso ma nello stesso tempo di grande interesse. Una nuova meta-analisi si propone di fare il punto sull’argomento, includendo anche i nuovi trial pubblicati nel corso del 2018: ASCEND rivolto a pazienti diabetici, ARRIVE a soggetti a rischio cardiovascolare intermedio, ASPREE  a soggetti di età … leggi tutto


edoxaban, fibrillazione atriale, ictus

Il punto su EDOXABAN

Pier Luigi Antignani Direttore centro vascolare. Nuova Villa Claudia, Roma Presidente eletto International Union of Angiology Presidente onorario Società Italiana di Diagnostica Vascolare   Edoxaban è un inibitore diretto del fattore X attivato, sviluppato da Daiichi Sankyo Pharmaceutical (Tokyo, Japan) e utilizzabile in Italia dal 2015 per la prevenzione dell’ictus ischemico e dell’embolia sistemica nei … leggi tutto


linee guida, anticoagulanti, ematologia, tromboembolismo

American Society of Hematology Linee guida 2018 per la gestione di tromboembolismo venoso: gestione ottimale della terapia anticoagulante

Selezione della dose iniziale La dose di eparina a basso peso molecolare (EBPM) dovrebbe essere rapportata al peso corporeo. Gestione delle interazioni Per i pazienti che assumano farmaci che interagiscono con la glicoproteina P o con il citocromo P450 si suggerisce l’uso di un anti-vitamina K (AVK) piuttosto che un anticoagulante orale diretto (DOAC). Automonitoraggio … leggi tutto


nuova meta-analisi rimette in discussione il ruolo dell’acido acetilsalicilico (ASA) nella prevenzione cardiovascolare primaria

Nuova meta-analisi rimette in discussione il ruolo dell’acido acetilsalicilico (ASA) nella prevenzione cardiovascolare primaria

Una nuova meta-analisi rimette in discussione il ruolo dell’acido acetilsalicilico (ASA) nella prevenzione cardiovascolare primaria, ovvero nei soggetti esenti da malattia cardiovascolare documentata. Sono stati esaminati 11 studi clinici riguardanti 157248 soggetti seguiti con un follow-up mediano di 6-6 anni. I risultati principali sono riportati nella figura. La mortalità per tutte le cause non si è … leggi tutto


Quanto incide la modalità di rimborso delle spese mediche sull’utilizzazione delle terapie salvavita e sugli esiti assistenziali?

L’espansione della copertura pubblica offerta da Medicaid negli Stati Uniti, in un sistema sanitario nel quale il costo della maggior parte delle prestazioni è sostenuto dalle assicurazioni private, ha fatto sorgere il dubbio che le le quote di rimborso inferiori offerte da Medicaid possano incidere negativamente sulla qualità di processi di cura essenziali. E’ stato pertanto … leggi tutto


ablazione transcatetere, fibrillazione atriale

Impatto dell’ablazione transcatetere nella fibrillazione atriale

La tecnica dell’ablazione transcatetere per il trattamento della fibrillazione atriale è in continua evoluzione e si sta progressivamente diffondendo ma il suo impatto sugli outcome clinici non è ancora ben definito. Per chiarire questo aspetto sono stati esaminati i dati di un grande database statunitense  dal quale sono stati estratti consecutivamente i pazienti che dal 1 … leggi tutto