PS – News

Aspirina in prevenzione cardiovascolare: serve uso corretto

La terapia antiaggregante con aspirina (ASA, acido acetilsalicilico) a basse dosi é uno dei più importanti interventi terapeutici in ambito cardiovascolare. La sua efficacia nella prevenzione di eventi cardiovascolari maggiori è molto elevata ma può essere largamente compromessa da una sottoutilizzazione o da un uso non corretto del farmaco. Ce lo ricorda uno studio recentemente … leggi tutto


Dopo bypass, con o senza infarto, utili i beta (β) bloccanti

Recenti studi osservazionali hanno sollevato dubbi riguardo ai vantaggi della terapia con beta (β) bloccanti nei pazienti sottoposti a bypass coronarico (CABG) con senza infarto miocardico (MI, myocardial infarction). Inoltre, l’efficacia della terapia cronica con i farmaci beta (β) bloccanti nei pazienti CABG dopo dimissione ospedaliera è incerto. Lo studio Efficacy of Chronic β-Blocker Therapy … leggi tutto


Minore incidenza di ictus con terapia anticoagulante

Anche un singolo fattore rischio tromboembolico nei pazienti affetti da fibrillazione atriale (FA) può determinare un aumento del rischio di ictus. Tuttavia, ad oggi non c’è consenso sul trattamento migliore da attuare in questi pazienti. Gli autori dello studio Oral Anticoagulation, Aspirin, or No Therapy in Patients With Nonvalvular AF With 0 or 1 Stroke … leggi tutto


Trombosi venosa: i NAO efficaci e sicuri anche negli anziani

  L’età avanzata e l’insufficienza renale rappresentano due fattori di rischio sia per la trombosi venosa che per le complicanze emorragiche indotte dai farmaci anticoagulanti, impiegati nella terapia della trombosi stessa. In trials di fase III i nuovi anticoagulanti orali (rivaroxaban, dabigatran, apixaban, edoxaban) impiegati nel trattamento acuto del tromboembolismo venoso (TEV), sono risultati non … leggi tutto