PP – News

Effetto dell’aspirina sugli eventi cardiovascolari e sanguinamenti negli anziani esenti da malattia cardiovascolare

Il tema complesso e dibattuto dell’utilizzo dell’aspirina a scopo antiaggregante nella prevenzione primaria cardiovascolare si arricchisce di un nuovo contributo relativo ai soggetti più anziani. Sono stati, infatti, pubblicati i risultati dello studio ASPREE  (Aspirin in Reducing Events in the Elderly), uno studio randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo condotto negli USA e … leggi tutto


statine, prevenzione primaria cardiovascolare, diabete

Statine. Prevenzione primaria e mortalità nei pazienti anziani con e senza diabete di tipo 2

Le evidenze a sostegno dell’utilizzo delle statine in prevenzione primaria nei pazienti di età avanzata sono scarse e contraddittorie. Ciò si traduce in una difficoltà di gestione clinica in una fascia di età di proporzioni crescenti e caratterizzata da un carico assistenziale elevato. Un contributo alla comprensione di questo problema, ci viene da una interessante … leggi tutto


ASPIRINA, PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE, CUORE

ESC2018 – Studio ARRIVE. Ruolo dell’aspirina nella prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari

Se è ormai ben stabilito che l’acido acetil-salicilico (ASA) a basse dosi è efficace e determina un beneficio di gran lunga superiore ai rischi, nei soggetti che hanno già subito un evento cardiovascolare, il suo ruolo nella prevenzione cardiovascolare primaria è tuttora molto dibattuto nonostante le numerose ricerche realizzate negli ultimi decenni. I risultati dello studio … leggi tutto


sanguinamenti, oncologici, anticoagulanti, DOAC

#ESC2018. Sanguinamenti da anticoagulanti (DOAC) fattori predittivi di rischio oncologico

Nei pazienti con malattia coronarica stabile o malattia delle arterie periferiche, in terapia con anticoagulanti diretti (DOAC), la comparsa di importanti emorragie gastrointestinali porta a un aumento sostanziale nella diagnosi di un nuovo tumore gastrointestinale, mentre il sanguinamento genito-urinario predice un sostanziale aumento delle nuove diagnosi di cancro al tratto genitourinario. Sono le conclusioni di una sottoanalisi dello studio … leggi tutto


rivaroxaban, xarelto, aspirina, ASA, vasculopatie, CAD, PAD

CHMP a favore di rivaroxaban e ASA in pazienti con CAD o PAD

Parere favorevole a una nuova indicazione di rivaroxaban (Xarelto), anticoagulante diretto (DOAC) inibitore del Fattore Xa di Bayer. Il Comitato che valuta i Farmaci per l’Uso Umano (CHMP) dell’Agenzia Europea del Farmaco (EMA), ha approvato la terapia con rivaroxaban 2,5 mg due volte/die, più acido acetilsalicilico (Aspirina, ASA) 75 – 100 mg una volta/die per … leggi tutto


PAD, obesità,vasculopatia arteriosa periferica

L’obesità aumenta anche il rischio di vasculopatia arteriosa periferica (PAD)

Mantenere un indice di massa corporea ottimale (BMI, body mass index), oltre a controllare altri fattori di rischio cardiovascolare, può ridurre il rischio di malattia delle arterie periferiche (PAD, peripheral artery disease) con ischemia critica degli arti (CLI, critical limb ischemia), secondo una nuova ricerca sul Journal of American Heart Association .


aspirina, ASA, cardioncologia, oncologia

Riconosciuta da AIFA la prevenzione cardio-oncologica di aspirina (ASA) a basse dosi

Aspirina (ASA) a basso dosaggio (Cardioaspirin) riduce l’incidenza complessiva del cancro e in particolare di quello al colon retto, nei pazienti che già assumono il farmaco per la prevenzione cardiovascolare. Dopo l’approvazione dell’Agenzia del farmaco (Aifa), l’importante novità è stata pubblicata nella Gazzetta ufficiale del 12 luglio 2018  L’Italia è il primo Paese europeo in cui … leggi tutto


USPSTS. Aggionamento delle raccomandazioni sull'utilizzo dell' ECG nelle malattie cardiovascolari

USPSTS. Aggionamento delle raccomandazioni 2012 sull’utilizzo dell’ ECG nelle malattie cardiovascolari

La Task Force dei servizi preventivi statunitensi  (USPSTS) ha emanato un aggiornamento delle raccomandazioni 2012 sull’utilizzo dell’elettrocardiografia, a riposo e da sforzo, nello screening della malattia cardiovascolare in soggetti asintomatici. Le conclusioni, basate sui dati di letteratura più recenti, non sono molto diverse da quelle della precedente edizione. In particolare, nei soggetti asintomatici adulti a basso rischio … leggi tutto


rischio cardiovascolare donna infarto

American Heart Association. Identificazione e riduzione del rischio cardiovascolare nelle donne con la collaborazione di ostetrici e ginecologi (ACOG)

E’ stato recentemente pubblicato un documento congiunto delle associazioni dei cardiologi (American Heart Association – AHA) e dei ginecologi (American College of Obstetricians and Gynecologists – ACOG) americani, sulla prevenzione cardiovascolare nella donna.
L’iniziativa scaturisce dalla constatazione che, nonostante negli ultimi anni sia stata ampiamente sollecitata una maggiore attenzione alle problematiche cardiovascolari nelle donne, si continuano a registrare inaccettabili diseguaglianze di genere. Molti studi, infatti, documentano come le procedure diagnostiche e terapeutiche raccomandate dalle linee guida siano applicate meno frequentemente nelle donne rispetto agli uomini.


PCSK9 inhibitor and high cholesterol

Rischio infiammatorio residuo nel trattamento con inibitori PCSK9 e statine

Utilizzando statine ad alta efficacia, ezetimibe e inibitori della proteina PCSK9 è possibile ridurre le concentrazioni plasmatiche del colesterolo LDL (LDLc) a livelli molto bassi, fino a meno di 20 mg/dl. Ciò nonostante residua un rischio di eventi cardiovascolari che potrebbe essere spiegato tenendo conto del ruolo patogenetico del processo infiammatorio la cui attivazione può essere valutata determinando le modeste variazioni … leggi tutto