anticoagulanti


real life nnao anticoagulanti coagulumreport

Anticoagulanti NAO efficaci e sicuri in un confronto real life

Arrivano ulteriori conferme sull’efficacia e la sicurezza nei nuovi anticoagulanti orali diretti (NAO) giungono da un nuovo studio osservazionale, con dati dalla vita reale (real life), condotto in Danimarca. Nel lavoro europeo sono stati utilizzati tre database nazionali, analizzati tra agosto 2011 e ottobre 2015, per studiare l’evoluzione clinica di 61.670 pazienti con fibrillazione atriale … leggi tutto


Il punto sulla terapia con sulodexide

Le fasi della terapia del tromboembolismo venoso sono sostanzialmente 3: una parte iniziale della durata, in genere, da 5 a 21 giorni, nella quale la terapia principale è costituita dall’eparina per via parenterale oppure dagli anticoagulanti diretti come dabigatran, rivaroxaban o apixaban, una seconda fase caratterizzata dal mantenimento della terapia anticoagulante orale per circa due … leggi tutto





trombolisi dabigatran darucizumab coagulumreport

Trombolisi sistemica in paziente con ictus ischemico in terapia con dabigatran? Si con idarucizumab. Case report

La trombolisi sistemica entro le prime 4 ore e mezza dalla comparsa dei primi segni e sintomi di un ictus ischemico acuto, costituisce una opzione terapeutica di straordinaria importanza e utilità per ridurre sia la mortalità sia, soprattutto, la disabilità legata all’evento vascolare cerebrale. Sebbene ultimamente in aumento, tuttavia, sono ancora relativamente pochi i pazienti … leggi tutto


Terapia con anticoagulanti: sono fattori prognostici D-dimero e fattore VIIa

Nei pazienti con fibrillazione atriale, in terapia con anticoagulanti orali, non è noto se l’andamento dei marker della coagulazione – D dimero e fattore VIIa – possono avere un valore prognostico per definire il rischio di sanguinamento o ictus.  I ricercatori dello studio RE- LY hanno analizzato, in una sottoanalisi,  il ruolo del monitoraggio seriato … leggi tutto