apixaban

Associazione di anticoagulanti orali e inibitori della Pompa Protonica per sanguinamento gastrointestinale

Il rischio di emorragie gastrointestinali associato alla terapia anticoagulante orale dipende dal tipo di anticoagulante utilizzato e si riduce significativamente nei pazienti trattati contemporaneamente con un inibitore della pompa protonica (IPP). E’ questo il risultato di uno studio retrospettivo condotto sul database di Medicare tra gennaio 2011 e settembre 2015. Sono stati considerati 1.643.123 pazienti, età … leggi tutto


malattia renale, dialisi, Apixaban

In pazienti con malattia renale terminale in dialisi, Apixaban risulta più efficace e sicuro di warfarin

Apixaban è più efficace e sicuro di warfarin, nei  pazienti con malattia renale terminale in dialisi. E’ il risultato di uno studio condotto retrospettivamente utilizzando il “United States Renal Data System”, un database nazionale che raccoglie, analizza e distribuisce informazioni su pazienti affetti da malattia renale cronica. Sono stati arruolati 25523 pazienti (45.7% donne; età 68.2±11.9 anni), affetti da … leggi tutto


anticoagulanti diretti, fibrillazione atriale

Anticoagulanti diretti: in pazienti con fibrillazione atriale minor rischio di infarto

I pazienti con fibrillazione atriale trattati con anticoagulanti diretti (dabigatran, rivaroxaban, apixaban) hanno un rischio di infarto miocardico inferiore rispetto a quelli trattati con anti-vitamina K (AVK). E’ il risultato di un grande studio osservazionale in “real life” condotto sui database sanitari danesi  che ha arruolato 31.739 pazienti con fibrillazione atriale (età media 74 anni, … leggi tutto


APIXABAN nella prevenzione dell’ictus cardioembolico

APIXABAN nella prevenzione dell’ictus cardioembolico: focus su pazienti anziani con fibrillazione atriale e ridotta funzionalità renale

Augusto Zaninelli. The System Academy, Firenze   La fibrillazione atriale (FA) è il disturbo del ritmo più frequente dopo le aritmie extrasistoliche con una prevalenza intorno allo 0,4% nella popolazione generale e fino al 3% nella popolazione con più di 60 anni (1). L’incidenza e la prevalenza di FA aumentano con l’età e, dopo i … leggi tutto


apixaban-esc2017-liquis-cardioversione-fibrillazione-emanate-coagulumreport

#esc2017. Apixaban (DOAC) in cardioversione è efficace e sicuro. Studio EMANATE

L’impiego dell’anticoagulante apixaban (Eliquis, Pfizer/BMS)  riduce il rischio di ictus ed embolismo sistemico rispetto al warfarin nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a cardioversione (0% vs. 0.8% a 30 giorni; p=0.016). Sono i risultati dello studio EMANATE (A Phase IV Trial To Assess The Effectiveness Of Apixaban Compared With Usual Care Anticoagulation In Subjects With Non-Valvular Atrial Fibrillation Undergoing Cardioversion) presentati  al Congresso annuale dell’European Society of Cardiology (#esc2017), che si è concluso il 30 agosto a  Barcellona. Nello studio sono stati randomizzati 1.500 pazienti affetti da fibrillazione atriale, naïve all’anticoagulazione, a ricevere una terapia di … leggi tutto


nao-doac-dose-inappropriata-anticoagulanti-fibrillazione-renale-coagulumreport

Anticoagulanti (DOAC) poca attenzione al dosaggio. Dati real life

In uno studio su quasi 15.000 pazienti in terapia con anticoagulanti orali diretti (DOAC) per fibrillazione atriale, oltre il 40% di coloro che, per problemi renali, dovevano ricevere una dose ridotta, continuava ad assumere la dose standard, mentre più  del 10% di quelli che non avevano indicazione di una riduzione del dosaggio, erano sottodosati. Gli … leggi tutto


doac-nao-fibrillazione-ictus-anticoagulanti-gloria-af-coagulumreprot

Ancora uso poco appropriato per gli anticoagulanti diretti (NAO-DOAC). Dati GLORIA AF

Gli anticoagulanti diretti (NAO – DOAC) stanno progressivamente soppiantando gli anti-vitaminaK per la prevenzione del tromboembolismo arterioso nei pazienti con fibrillazione atriale non valvolare ma ancora molto c’è da fare per ottimizzare questo importante processo di cura. E’ il messaggio dell’analisi dei dati di un grande registro internazionale (GLORIA-AF,Global Registry on Long-Term Oral Antithrombotic Treatment … leggi tutto


rivaroxaban-real-world-data-mondo-reale-nao-doac-coagulumrepoort

Rivaroxaban nella fibrillazione atriale: efficacia e sicurezza nel real-world. Una review

Gli anticoagulanti orali diretti (DOAC/NAO) dabigatran, rivaroxaban, apixaban ed edoxaban, hanno efficacia non inferiore a warfarin nella riduzione dell’incidenza di ictus e di embolia sistemica nei pazienti affetti da fibrillazione atriale (FA). Questi farmaci, noti anche come nuovi anticoagulanti orali (NAO), sono inoltre risultati assolutamente sicuri, con una significativa riduzione del rischio emorragico, in particolare dei … leggi tutto


off-label-anticaogulanti-nao-doac-coagulumreport

Anticoagulante (DOAC/NAO) off label per un pazinete su 8 in America

I nuovi anticoagulanti orali (DOAC/NAO) stanno guadagnando sempre più terreno nella prevenzione degli eventi tromboembolici nei pazienti con fibrillazione atriale non valvolare. La loro posologia non deve essere sottoposta a continui aggiustamenti, e questo é senza dubbio un punto di forza di questi farmaci rispetto agli anti-vitamina K, tuttavia deve essere regolata sulla base di … leggi tutto


Testa a testa tra anticoagulanti diretti (DOAC/NAO). Dati americani

Gli anticoagulanti orali diretti (DOAC/NAO) sono ormai utilizzati da molti anni per la prevenzione del tromboembolismo nella fibrillazione atriale non valvolare. Si conoscono le caratteristiche farmacologiche delle diverse molecole disponibili, ma ancora oggi la scelta del farmaco non può basarsi su studi che abbiano confrontato direttamente le varie molecole. Per colmare questa lacuna, utilizzando i dati … leggi tutto