BMI

PAD, obesità,vasculopatia arteriosa periferica

L’obesità aumenta anche il rischio di vasculopatia arteriosa periferica (PAD)

Mantenere un indice di massa corporea ottimale (BMI, body mass index), oltre a controllare altri fattori di rischio cardiovascolare, può ridurre il rischio di malattia delle arterie periferiche (PAD, peripheral artery disease) con ischemia critica degli arti (CLI, critical limb ischemia), secondo una nuova ricerca sul Journal of American Heart Association .


aneurisma-addominale-fumo-alcol-bmi-coagulumreport

Aneurisma dell’aorta addominale: oltre al fumo ci sono altri fattori modificabili da considerare

L’aneurisma dell’aorta addominale (AAA) è una patologia potenzialmente letale generalmente associata al genere maschile, all’abitudine al fumo e all’età avanzata. L’individuazione dei fattori di rischio per AAA e il loro peso epidemiologico si fonda su pochi studi prospettici metodologicamente rigorosi. Per meglio valutare il ruolo dello stile di vita e di altri fattori modificabili nell’insorgenza … leggi tutto


indice-massa-corporea-bmi-dabigatran-sanguinamento-coagulumreport

BMI per determinare rischio di sanguinamento con anticoagulanti

L’indice di massa corporea (BMI) è un valore predittivo indipendente di un aumentato rischio individuale di sanguinamento nei pazienti con fibrillazione atriale (FA) in trattamento con anticoagulanti orali diretti (NAO / NOAC), in particolare con dabigatran, per la prevenzione tromboembolica. Sono quattro le scale di riferimento  attualmente disponibili per calcolare il rischio emorragico nei pazienti … leggi tutto



Obesità e fibrillazione atriale: migliorare la capacità cardiorespiratoria previene le ricorrenze

Nelle persone obese è noto il  collegamento alla fibrillazione atriale ed è risaputo come un aumento della capacità cardiorespiratoria sia protettivo nei confronti dell’insorgenza di fibrillazione (FA)in questi soggetti. Un recente studio si è riproposto di valutare l’impatto della capacità cardiorespiratoria sulle ricorrenze di FA. Sono stati valutati 1.415 pazienti con fibrillazione: a 825 con … leggi tutto