fibrillazione


aspirina-doac-anticoagulanti-fibrillazione-sindrome-coronarica-coagulum

Anticoagulanti diretti (DOAC) e aspirina (ASA) in fibrillazione? Una metanalisi

Gli anticoagulanti orali  diretti (DOAC/NAO) possono essere più sicuri ed efficaci rispetto al warfarin (AVK) nel trattamento dei pazienti con fibrillazione atriale in terapia concomitante con acido acetilsalicilico (aspirina, ASA). Sono i risultati di una metanalisi che aiuta nella gestione dei pazienti con fibrillazione atriale (circa il 30%) che hanno una malattia coronarica, sono a riscchio di sindrome coronarica … leggi tutto


edoxaban-esc2017-engage-af-timi-48-coagulumreport

#esc2017. Edoxaban efficace anche in pazienti con fibrillazione ad alto rischio

In tutti i pazienti affetti da fibrillazione atriale non valvolare, anche quelli a più alto rischio di ictus o eventi embolici sistemici (secondo la scala CHADS2DS2-VASc ), l’anticoagulante diretto edoxaban (Lixiana/Daiichi Sankyo) è efficace come warfarin, ma più sicuro. Lo dimostra una sottoanalisi del trial clinico ENGAGE AF-TIMI 48 (Effective aNticoaGulation with factor XA next GEneration in Atrial Fibrillation), presentata da Daiichi Sankyo al Congresso della European society of cardiology (#esc2017) … leggi tutto


rivroxaban-cancro-fibrillazione-xarelto-coagulumreport

Fibrillazione e cancro attivo: rivaroxaban (DOAC) efficace e sicuro come in ROCKET-AF

Efficacia e sicurezza del rivaroxaban nel trattamento della fibrillazione atriale non valvolare di pazienti con cancro in fase attiva sono sovrapponibili a quelle riscontrate nella popolazione generale. E’ il risultato di uno studio condotto preso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center in New York City su 163 pazienti con malattia neoplastica in atto e fibrillazione atriale trattati tra il gennaio del 2014 e il … leggi tutto


edoxaban-anticoagulante-cardioversione-lixiana-chmp-ema-cooagulumreport

Fibrillazione atriale, edoxaban in cardioversione rapida. Parere positivo dal CHMP-EMA 

L’utilizzo dell’anticoagulante orale diretto edoxaban (Lixiana), nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a cardioversione preceduta da ecocardiogramma per via transesofagea (ETE) dovrà essere inserito in RCP. Questa la raccomandazione del Comitato Europeo per i Medicinali ad Uso Umano (CHMP) dell’EMA. Il farmaco di Daiichi Sankyo è quindi, ad oggi, l’unico DOAC indicato specificatamente per una rapida … leggi tutto


score-fibrillazione-ictus-cha2-ds2-vasc-score-acc-ncdr-pinnacle-coagulumreport

Fibrillazione. Con il CHA2DS2-VASc score sono di più i candidati per gli anticoagulanti (NAO/DOAC)

Utilizzando lo score CHA2-DS2-VASc, due pazienti con fibrillazione atriale su tre, che risultano a basso rischio trombo-embolico utilizzando lo score CHADS2, devono essere ricollocati in una classe di rischio più elevata con indicazione forte alla terapia anticoagulante per la prevenzione dell’ictus (stroke). Sono questi in sintesi i risultati di un’analisi del … leggi tutto


paziente-fragile-edoxabandoc-nao-anticoagulante-fibrillazione-anmco-2017-simposio-coagulumreport

ANMCO 2017. Paziente anziano fragile in fibrillazione (FANV) o tromboembolismo (TEV). Edoxaban: importanza di un dosaggio ridotto

Il trattamento con anticoagulanti diretti (DOAC/NAO) nei soggetti più fragili e anziani rappresenta, per gli specialisti una sfida difficile e non ancora vinta.  Edoxaban, ultimo arrivato tra gli anticoagulanti diretti (NAO/DOAC), si è dimostrato altrettanto efficace e più sicuro del warfarin nella prevenzione di ictus ed embolia sistemica in presenza di fibrillazione atriale e nel … leggi tutto


digossina-fibrillazione-scompenso-mortalita-acc17-coagulumreport

La digossina in fibrillazione (FA) con o senza scompenso aumenta il rischio di morte

I pazienti con fibrillazione atriale che assumono digossina presentano un rischio di morte significativamente maggiore, indipendentemente dal fatto di essere o meno affetti da scompenso cardiaco. E’ il risultato di una ricerca, presentata dal dott. Renato Lopes in occasione del congresso dell’American College of Cardiology, che ha esaminato i dati di 17.897 pazienti arruolati nello … leggi tutto


sanguinamenti-sanguinamento-dabigatran-sicurezza-coagulumreport

Minore frequenza di sanguinamento con alcuni anticoagulanti diretti. Dati real life norvegesi

Valutare il rischio di sanguinamento nella pratica clinica nei pazienti con fibrillazione atriale in terapia con gli anticoagulanti diretti  (DOAC) rispetto a warfarin è l’obiettivo di questo studio. A tale scopo sono stati utilizzati i due maggiori registri norvegesi in cui sono stati individuati i pazienti affetti da fibrillazione atriale e valutati in un periodo compreso … leggi tutto


dabigatran-apixaban-rivaroxaban-ictus-fibrillazione-coagulumreport

Prevenzione di ictus simile, ma meno sanguinamenti intracranici con alcuni NAO

Questo studio, pubblicato di recente, aggiunge nuove conferme per quanto riguarda il confronto fra gli anticoagulanti diretti (NAO) e gli antagonisti della vitamina K in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare per quanto riguarda la prevenzione dell’ictus ischemico di natura cardioembolica e quello emorragico dovuto principalmente agli effetti collaterali della terapia anticoagulante. Scopo dello studio, … leggi tutto