HDL

Statine utili anche in prevenzione primaria a rischio intermedio (HOPE 3)

L’efficacia preventiva delle statine in soggetti ad alto rischio cardiovascolare è stata ben documentata anche in prevenzione primaria. Non altrettanto si può dire riguardo all’uso delle statine nei soggetti a rischio cardiovascolare intermedio. Lo studio HOPE-3  é stato disegnato con l’intento di esplorare l’area grigia costituita da questa ampia popolazione di soggetti e in particolare … leggi tutto



Il grasso nelle persone magre aumenta il rischio di aterosclerosi

Le persone con indice di massa corporea normale (NWO, normal weight obesity) hanno una maggiore incidenza di aterosclerosi subclinica rispetto a quelli normopeso magri (NWL, normal-weight lean) indipendentemente da altri fattori di rischio clinici per aterosclerosi. L’obesità è un problema di salute pubblica in tutto il mondo ed è un importante fattore di rischio per … leggi tutto


Nell’arteriopatia periferica la terapia medica non basta. Ci vuole esercizio fisico

Nei pazienti con claudicatio intermittens la terapia medica, pur essendo imprescindibile, non è sufficiente per garantire un miglioramento della capacità di esercizio e della qualità di vita. Nel paziente arteriopatico entrano quindi in gioco altre strategie che comprendono un training fisico guidato e/o interventi di rivascolarizzazione. Gli autori dello studio Supervised exercise versus primary stenting for … leggi tutto