insufficienza. cardiaca


Sildenafil come placebo nello scompenso con frazione di eiezione conservata

I primi studi sull’utilizzo del sildenafil, inibitori della fosfodiesterasi-5 (PDE-5i), nella cura delle cardiopatie, avevano mostrato effetti benefici sulla funzione cardiovascolare nello scompenso cardiaco (HF), ma lo studio RELAX, non ha osservato alcun miglioramento sulla tolleranza all’esercizio utilizzando sildenafil in soggetti con scompenso cardiaco a frazione d’eiezione preservata (HFpEF), condizione per la quale a oggi, … leggi tutto



Punteggio CHA2DS2VASc utile in fibrillazione, ma anche per scompenso

Lo score CHA2DS2VASc viene ampiamente impiegato nella valutazione del rischio di eventi ischemici nel paziente con fibrillazione atriale (FA). L’utilità di tale score nella popolazione di soggetti affetti da scompenso cardiaco (SC) non è ancora stata chiarita. L’obiettivo di questo studio di coorte danese è stato di definire la validità dello score CHA2DS2VASc nel predire ictus … leggi tutto