Dopo bypass, con o senza infarto, utili i beta (β) bloccanti

Recenti studi osservazionali hanno sollevato dubbi riguardo ai vantaggi della terapia con beta (β) bloccanti nei pazienti sottoposti a bypass coronarico (CABG) con senza infarto miocardico (MI, myocardial infarction). Inoltre, l’efficacia della terapia cronica con i farmaci beta (β) bloccanti nei pazienti CABG dopo dimissione ospedaliera è incerto. Lo studio Efficacy of Chronic β-Blocker Therapy for Secondary Prevention on Long-Term Outcomes After Coronary Artery Bypass Grafting Surgery ha analizzato 5.926

Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: si prega di accedere utilizzando il form sottostante, oppure di compilare il form di registrazione. Dopo la registrazione, oltre ad avere accesso a tutti i contenuti del portale, riceverai aggiornamenti utili alla pratica clinica. Se non si ricordano i dati di accesso, cliccare qui

Utenti collegati esistenti
   
Nuova Registrazione Utente
* Ti preghiamo di accettare le Condizioni di Servizio
Really Simple CAPTCHA is not enabled
*Campo obbligatorio