Obesità. La steatosi epatica può indicare aterosclerosi subclinica

L’associazione tra steatosi epatica non alcolica (NAFLD, Nonalcoholic fatty liver disease), condizione di sempre più frequente riscontro, e le patologie metaboliche/cardiovascolari sta emergendo in maniera sempre più evidente. L’obiettivo di questo studio è stato di valutare l’utilità del riscontro di NAFLD in associazione ad altri parametri, tra cui l’età, nel predire la presenza di aterosclerosi subclinica in pazienti obesi. Lo studio ha analizzato 314 soggetti obesi (223 donne; età media

Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: si prega di accedere utilizzando il form sottostante, oppure di compilare il form di registrazione. Dopo la registrazione, oltre ad avere accesso a tutti i contenuti del portale, riceverai aggiornamenti utili alla pratica clinica. Se non si ricordano i dati di accesso, cliccare qui

Utenti collegati esistenti
   
Nuova Registrazione Utente
* Ti preghiamo di accettare le Condizioni di Servizio
Really Simple CAPTCHA is not enabled
*Campo obbligatorio