ANMCO 2017. Paziente anziano fragile in fibrillazione (FANV) o tromboembolismo (TEV). Edoxaban: importanza di un dosaggio ridotto

paziente-fragile-edoxabandoc-nao-anticoagulante-fibrillazione-anmco-2017-simposio-coagulumreport
Il trattamento con anticoagulanti diretti (DOAC/NAO) nei soggetti più fragili e anziani rappresenta, per gli specialisti una sfida difficile e non ancora vinta.  Edoxaban, ultimo arrivato tra gli anticoagulanti diretti (NAO/DOAC), si è dimostrato altrettanto efficace e più sicuro del warfarin nella prevenzione di ictus ed embolia sistemica in presenza di fibrillazione atriale e nel trattamento e nella prevenzione di recidive della tromboembolismo venoso (TEV), Questi in sintesi i contenuti

Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: si prega di accedere utilizzando il form sottostante, oppure di compilare il form di registrazione. Dopo la registrazione, oltre ad avere accesso a tutti i contenuti del portale, riceverai aggiornamenti utili alla pratica clinica. Se non si ricordano i dati di accesso, cliccare qui

Utenti collegati esistenti
   
Nuova Registrazione Utente
* Ti preghiamo di accettare le Condizioni di Servizio
Really Simple CAPTCHA is not enabled
*Campo obbligatorio