Nuova meta-analisi sull’utilizzo della digossina evidenzia un incremento significativo della mortalità

digossina, digitale, fibrillazione atriale, mortalità, scompenso cardiaco
L’utilizzo della digossina nello scompenso cardiaco e nella fibrillazione atriale è stato fortemente ridimensionato ma è tuttora previsto dalle linee guida, nonostante non vi siano prove che i digitalici siano in grado di migliorare la prognosi dei pazienti cardiopatici. Una nuova meta-analisi comprendente 37 studi per un totale di oltre 800.000 pazienti, mette in guardia dall’utilizzo della digossina, evidenziando come esso sia associato ad un incremento significativo della mortalità. Nella

Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: si prega di accedere utilizzando il form sottostante, oppure di compilare il form di registrazione. Dopo la registrazione, oltre ad avere accesso a tutti i contenuti del portale, riceverai aggiornamenti utili alla pratica clinica. Se non si ricordano i dati di accesso, cliccare qui

Utenti collegati esistenti
   
Nuova Registrazione Utente
* Ti preghiamo di accettare le Condizioni di Servizio
Really Simple CAPTCHA is not enabled
*Campo obbligatorio