Ereditarietà della fibrillazione atriale. I figli hanno un rischio maggiore di aritmia ed eventi cerebrovascolari ischemici

Se i genitori hanno sofferto o soffrono di fibrillazione atriale,  i figli hanno un rischio aumentato di presentare l’aritmia anche da giovani e, conseguentemente, un rischio più elevato di incorrere in eventi cerebrovascolari ischemici. Sono queste le conclusioni di uno studio osservazionale di coorte, condotto su database amministrativi canadesi, che ha arruolato, tra il 1972 e il 2016, oltre trecentomila soggetti adulti per i quali erano disponibili i dati di

Questo contenuto è riservato agli iscritti alla newsletter del settore sanitario: si prega di accedere utilizzando il form sottostante, oppure di compilare il form di registrazione. Dopo la registrazione, oltre ad avere accesso a tutti i contenuti del portale, riceverai aggiornamenti utili alla pratica clinica. Se non si ricordano i dati di accesso, cliccare qui

Utenti collegati esistenti
   
Nuova Registrazione Utente
* Ti preghiamo di accettare le Condizioni di Servizio
Really Simple CAPTCHA is not enabled
*Campo obbligatorio